Home Scrittura Blocco dello Scrittore: cos’è e come superarlo

Blocco dello Scrittore: cos’è e come superarlo



Il classico punto di stallo durante la stesura del romanzo, detto più comunemente “blocco dello scrittore”, è rappresentato da quel particolare momento in cui tutte le idee creative avute sino al momento prima sembrano dissolversi nel nulla di fronte alla pagina bianca.

Capita quasi a tutti gli autori durante il corso della propria carriera, al di là del grado di preparazione professionale o meno, ed è quindi il peggior incubo di ogni aspirante scrittore o professionista affermato.

La frustrazione e la demotivazione che scaturisce dal blocco può assumere varie forme, alcune più estreme di altre, tanto da interrompere in maniera definitiva il romanzo che si era deciso di scrivere. Gli stati d’ansia e il perfezionismo esagerato di sé possono concorrere come fattori nocivi in questa fase critica.

Nonostante quello che può sembrare però, il blocco dello scrittore, non è una situazione invalidante al 100%, codesta fase può essere superata seguendo alcuni pratici consigli.

 

CONSIGLI PER SUPERARE IL BLOCCO DELLO SCRITTORE

FERMARSI: in presenza di un blocco non pè mai consigliabile insistere, farlo infatti riuscirebbe solamente ad aggravare la situazione. Risulta invece più utile concedersi una pausa, approfittando di esso per dedicarsi ad altre attività, soprattutto se ricreative, atte a stimolare i naturali meccanismi creativi della mente. Soltanto in un secondo momento si potrà tornare a riporre la concentrazione dal punto in cui si era interrotta.

MUOVERSI: rimanere di fronte al pc in una posizione statica e sconsolante non farà che aggravare il blocco dello scrittore. Un’altra ottima idea per distogliere l’attenzione dal problema trova riscontro nell’attività fisica. Fare una passeggiata, una corsa, qualche esercizio di fitness, o altro aiuta a scaricare la tensione accumulata. Muoversi infatti offre una maggiore ossigenazione del cervello, confermato anche da molti scienziati.

SPOSTARE LA POSTAZIONE: molti autori famosi hanno affermato di scrivere in locali come bar o caffetterie, spostando la propria sede all’aperto, in nuvi luoghi, al fine di riacquistare la concentrazione perduta. Tentare non comporta nessun dispendio economico e il cambio di “aria” potrebbe persino rivelarsi utile.

METODO HEMINGWAY: secondo il grande autore di narrativa americana del Novecento, fermarsi ogni giorno, anche in prossimità dell’ottimo lavoro svolto su un testo, aiuterebbe a non incombere nel blocco dello scrittore. Vale dunque la pena provare a riordinare le idee anche nel momento in cui non vi sembrerà necessario, ripetendo l’azione giornalmente fino a farla diventare un’abitudine.

ALLONTANARE LE DISTRAZIONI: nel momento in cui riprenderete a descrivere sarà di fondamentale importanza eliminare ogni possibile distrazione. Togliere la suoneria al proprio smartphone, disattivare la rete internet, chiudere ogni possibile applicazione fonte di disattenzioni, spegnere radio e televisore e tutto ciò che potrebbe interferire con il vostro momento di genio.

FOMENTARE LE ISPIRAZIONI: sarà importante ricercare sempre nuovi stimoli, che essi siano trasmessi da un giornale o dal web, da un argomento precedentemente letto, in maniera tale da esaltare le vostre ispirazioni senza emulare nessuno.

FATTORE TEMPO: è consigliabile stabilire un tempo, una scaletta, onde evitare di disperdersi troppo a lungo in un lasso temporale che rischia di disperdere la vostra attenzione.

INVERTIRE IL FINALE: in caso di blocco dello scrittore potrebbe essere utile invertire il senso del libro, partendo dal finale per percorre a ritroso il resto degli avvenimenti principali.

Infine, per riuscire a superare il blocco dello scrittore, è importante conoscere se stessi a fondo, in ogni pregio e in ogni difetto, esercitandosi sulle proprie capacità con tenacia e pazienza, al fine di smussare le parti più anguste dei propri limiti.



CONDIVIDI