Home Scrittura Come Scrivere una Sceneggiatura

Come Scrivere una Sceneggiatura



Una sceneggiatura si avvale di azioni svolte da un determinato numero di persone, personaggi in questo caso, che interagiscono fra loro in particolari situazioni. Per iniziare a comporre una sceneggiatura occorrerà dunque possedere le idee chiare, una trama ben articolata in grado di contenere situazioni, luoghi e conflitti della storia. Per quanto sia ormai impossibile proporre qualcosa di nettamente originale l’importante sarà l’effettivo sviluppo della storia, evitando l’emulazione di altre sceneggiature già proposte al pubblico.

La prima pagina della vostra sceneggiatura dovrà contenere le seguenti informazioni: titolo dell’opera, nome dell’autore, informazioni di contatto.

In seguito si riveleranno utili alcuni consigli guida che andremo ad analizzare nello specifico di seguito.

 

CONSIGLI PER SCRIVERE UNA SCENEGGIATURA

IMPOSTAZIONI DI SCRITTURA: per questo particolare tipo di genere è consigliato usare il font Courier (font da macchina da scrivere, 12 punti) tipico appunto delle sceneggiature. In questo modo il tocco sarà nettamente professionale già a partire dalle prime pagine.

SLUG LINES: altrettanto importante è servirsi di frasi specifiche prima di ogni scena. Le slug lines chiariscono alcuni aspetti fondamentali della scena che l’autore si appresta a proporre, marcando ad esempio se i personaggi si trovano all’interno o all’esterno, durante le ore pomeridiane oppure notturne. Inoltre, il nome di ogni personaggio che si cinge al dialogo, dovrà essere riportato per intero e in forma maiuscola.

FORMATTAZIONE: a seconda del tipo di sceneggatura, per un film o per un’opera teatrale, sarà importante servirsi della giusta formattazione del testo, in modo tale da poterla distinguere. Il consiglio migliore è quello di ricercare esempi attraverso sceneggiature già impostate.

TEMPI DI TESTO: una sceneggiatura di solito è impostata a circa un minuto per pagina. Questo significa che sarà estremamente importante non dilungarsi troppo con le battute per ogni singola pagina composta.

SVILUPPO DELLA STORIA: andrà impostata una premessa, ovvero una frase atta a spiegare in poche righe il concetto fondamentale della storia. Per facilitare le cose potrebbe essere utile impostare uno schema in bozzza prima di stendere la sceneggiatura, delinenado ogni punto che si vuole toccare nella storia, rapportandosi in terza persona. Dallo stesso schema andranno eliminate poi le parti non necessarie per concentrarsi sulle scene principali, dopo accurate ricerche.

DIALOGHI: ogni battuta non dovrà risultare troppo complessa e andrà resa il più semplice e coinvolgente possibile per il pubblico. A fronte di questo anche ill copione dell’opoera dovrà essere trascritto nel formato giusto.

STESURA DELLA TRAMA: questa sarà una delle parti che richiederà maggior tempo insieme ai dialoghi. Una buona sceneggiatura dovrà risultare esaudiente senza appesantire il testo. Sarà importante rivedere più volte l’intera storia, cercando di correggere ogni possibile refuso rimasto, senza pretendere però di giungere ad una perfezione eccessiva.

OPINIONI ESTERNE: al termine della sceneggiatura saranno impportanti i primi pareri e le prime valutazioni. Le persone a cui verrà sottoposta per prima l’opera dovranno esprimere un parere sincero ed esterno, per questo motivo non sempre gli amici più stretti sono le persone più indicate per tale tipo di valutazione.

Quando tutto sarà pronto potrete iniziare a valutare l’idea di proporre la vostra sceneggiatura all’attenzione di editori specifici.